Paediatric adenoidectomy: endoscopic coblation technique compared to cold curettage

Adenoidectomia pediatrica: comparazione tra tecnica endoscopica coblator e curettage a lama fredda


L. Di Rienzo Businco, A.M. Angelone1, A. Mattei1, L. Ventura2, M. Lauriello3 Department of Otorhinolaryngology, “S. Spirito” Hospital, Rome, Italy; 1 Department of Internal Medicine and Public Health, University of L’Aquila, Italy; 2 Department of Pathology, “S. Salvatore” Hospital, L’Aquila, Italy; 3 Department of Experimental Medicine, University of L’Aquila, Italy

Riassunto:

L’obiettivo del nostro studio è stato valutare l’efficacia e la sicurezza dell’adenoidectomia endoscopica coblator in comparazione con la tecnica di curettage a lama fredda, in una popolazione di pazienti pediatrici.

Quaranta pazienti omogenei (4-16 anni) affetti da ipertrofia adenoidea sono stati suddivisi in due gruppi: pazienti sottoposti ad adenoidectomia con lama fredda (Gruppo A) o con coblator (Gruppo B).

Dopo l’intervento chirurgico sono stati valutati: dolore, giorni con nausea, febbre, grading endoscopico adenoideo, sanguinamento intraoperatorio.

Continua

Turbinotomia: tecnologie a confronto

Lino Di Rienzo Businco
Dirigente Otorinolaringoiatria, Azienda Osp.ASL RMC
Da alcuni anni, anche a motivo della consuetudine professionale con l’ambiente specialistico allergologico, abbiamo approcciato il problema della complicanza ipertrofica dei turbinati secondario alle flogosi croniche delle vie aeree, alla continua ricerca della soluzione più duratura e con minore impatto traumatico sul paziente. Descriviamo pertanto la nostra esperienza mettendo a confronto due delle più recenti tecnologie (radiofrequenze al plasma e risonanza quantica molecolare) per lo “shrinking” dei turbinati di cui abbiamo avuto diretta esperienza nel trattamento delle mucose ipertrofiche nasali, evidenziandone caratteristiche e peculiarità dei meccanismi d’azione.

Attualità e etiopatogenetica, diagnostica e terapeutica in tema di rinite allergica

Maria Lauriello; Lino Di Rienzo Businco*

*Dirigente Otorinolaringoiatria, Azienda Osp.ASL RMC

 

INTRODUZIONE

Correnti elettriche, campi elettrici e campi elettromagnetici sono nel loro insieme una forma di energia che può avere importanti effetti biologici agendo sia sulle cellule che sulla matrice extracellulare.

Il passaggio delle correnti elettriche attraverso tessuti, oltre a generare effetti termici, è in grado di modificare la distribuzione delle cariche disposte sulle superfici delle membrane, inducendo modificazioni delle proteine delle membrane e fra queste in particolare l’apertura o la chiusura di canali ionici voltaggio dipendenti.

A opportune intensità le correnti elettriche riescono a provocare la comparsa di pori (elettroporazione) nelle membrane consentendo il trasferimento di molecole di dimensioni relativamente elevate attraverso la membrana.

Continua

Curare la sinusite con un palloncino-Balloon

Intervista a Lino Di Rienzo Businco, Dirigente ORL dell’ospedale Santo Spirito di Roma

Dolori che partono dalle arcate sopraccigliari e si irradiano un po’ per tutto il volto.

Tanta voglia di stare al buio, la fronte compressa da una sciarpa, anche se è agosto. Il rimedio della nonna allevia per qualche minuto  il dolore, che poi riprende vigoroso e pulsante.

L’antidolorifico ci restituisce al mondo. Ma la sinusite, quel “fuoco doloroso”, rimane là, pronta a risvegliarsi in qualsiasi momento.

“Considerare la sinusite solo una condizione di infiammazione con o senza infezione che coinvolge i seni paranasali è corretto, ma riduttivo.

Continua

Quantic molecular resonance scalpel and its potential applications in oral surgery.

Vescovi P, Manfredi M, Merigo E, Fornaini C, Rocca JP, Nammour S, Bonanini M.
Sezione di Odontostomatologia, CLOSPD, Università di Parma, Italy.

 

Abstract

Quantic molecular resonance is a new technique that applies high frequency waves suitable for many surgical fields.

It is a remarkable advance from conventional electrosurgery, and consists of non-traumatic cutting of tissue and gentle coagulation.

Continua

Balloon sinuplasty versus surgical management of chronic rhinosinusitis.

Stewart AE, Vaughan WC.
California Sinus Centers, 3351 El Camino Real, Suite 200, Atherton, CA 94027, USA.

Abstract:

The first US Food and Drug Administration-approved dilating balloon catheter system for obstructed paranasal sinus drainage pathways was introduced in September 2005.

It was discussed as an alternative treatment option for traditional endoscopic sinus surgery for those suffering from chronic rhinosinusitis.

Continua

Limitations of balloon sinuplasty in frontal sinus surgery

Heimgartner S, Eckardt J, Simmen D, Briner HR, Leunig A, Caversaccio MD.
Department of Otorhinolaryngology, Head and Neck Surgery, University Hospital Bern, Switzerland, Freiburgstrasse, 3010 Bern, Switzerland.

 

Abstract
Balloon sinuplasty is a tool that is used to treat selected patients with paranasal sinus pathologies.
No studies have investigated the aetiology of failed access to the frontal sinus.
The aim of our study was to specify the intraoperative technical failure rate and to analyse the aetiology of the failed access to predict potential technical difficulties before surgery.

Functional endoscopic balloon dilation of sinus ostia for chronic rhinosinusitis

Ahmed J, Pal S, Hopkins C, Jayaraj S.
ENT Department, Whipps Cross University Hospital, London, UK.

Abstract

BACKGROUND:

Dilation of sinus ostia using a high-pressure balloon has been introduced as a treatment for chronic rhinosinusitis (CRS) refractory to medical treatment. The efficacy of this technology, however, has not been systematically reviewed.

Continua

Evolving trends in powered endoscopic sinus surgery

Bruggers S, Sindwani R.

Department of Otolaryngology-Head and Neck Surgery, St Louis University, 6th Floor FDT, 3635 Vista Avenue at Grand Boulevard, St Louis, MO 63110, USA.

Abstract

The modern rhinologist has a wide variety of powered tools at his or her disposal. Innovations in powered instrumentation include the suction-irrigation drill, the coblator, and the introduction of a bone-cutting ultrasonic aspirator.